Home Home

 

  • Nei primi 5 mesi dell’anno già raccolte 26.000 tonnellate
  • +67% rispetto al 2012
  • circa 1,8 kg per abitante/settimana nel primo quarto di città


Milano, 20 giugno 2013 – Corvetto, Gratosoglio, Chiaravalle, Rogoredo, Ponte Lambro, Chiesa Rossa, Santa Giulia, Vigentino, Stadera sono alcuni dei quartieri di Milano coinvolti dall’estensione del servizio di raccolta differenziata dell’umido presso le utenze domestiche.

A partire da lunedì 24 giugno gli automezzi di Amsa svuoteranno i nuovi cassonetti condominiali marroni per la raccolta dell’umido, distribuiti negli ultimi due mesi in 887 vie, per un totale di oltre 9.000 numeri civici, nella zona sud est di Milano - corrispondente all’intera zona 4 e parte delle zone 1, 3 e 5.

Con questa estensione del servizio, la raccolta dell’umido copre il 50% del territorio cittadino. I risultati nella porzione di Milano dove i cittadini stanno separando i rifiuti umidi dallo scorso novembre sono incoraggianti. La percentuale di raccolta differenziata nella zona sud ovest ha superato il 48% e il quantitativo medio di rifiuto umido, fra le utenze domestiche e le grandi utenze, si è attestato a circa 1,8 chilogrammi per abitante a settimana.

In tutta la città Amsa ha raccolto nei primi cinque mesi del 2013 oltre 26.000 tonnellate di rifiuto umido (comprese le grandi utenze, dove la raccolta era già in essere in precedenza), registrando un incremento percentuale del 67% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Sono certo che anche chi risiede in questa seconda parte di città risponderà in maniera eccellente alla nuova raccolta differenziata – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran – Milano, grazie ai risultati raggiunti, si sta avvicinando velocemente ai migliori standard europei e continua a dimostrare l’attenzione e la cura che i suoi cittadini hanno nei confronti dell’ambiente”.
“La corretta differenziazione dei rifiuti è essenziale per l’effettivo recupero dei rifiuti organici – ha dichiarato Paola Petrone, direttore generale di Amsa – Le analisi sulla qualità del materiale raccolto finora hanno avuto esito positivo: nel 90% circa dei campioni analizzati, la presenza di frazioni estranee riscontrata è stata inferiore al 5%, rendendo il rifiuto raccolto idoneo per l’invio agli impianti di trattamento che producono fertilizzante naturale per le coltivazioni e consentono di recuperare energia rinnovabile mediante la produzione di biogas”.

Amsa ha consegnato a tutti i cittadini coinvolti nell’estensione del servizio - 185.000 tra famiglie e altre utenze che producono rifiuti umidi - un cestello aerato da 10 litri, una brochure con le istruzioni necessarie per una corretta raccolta differenziata dell’umido e, grazie ad un accordo tra l’Amministrazione Comunale e la società Novamont, una fornitura gratuita di sacchetti compostabili realizzati in Mater-Bi.

I rifiuti umidi da differenziare sono gli avanzi di cibo,scarti di carne e pesce, gusci d’uovo, pane, pasta, riso, biscotti, farinacei, fondi di caffè, filtri di tè, tovaglioli e fazzoletti di carta usati o imbrattati con residui di alimenti, fiori recisi e foglie di piante d’appartamento. Il sacchetto, una volta riempito, può essere liberamente conferito in qualsiasi momento nei cassonetti condominali, che Amsa provvede a svuotare due volte alla settimana negli stessi orari e giorni di ritiro del sacco trasparente dei rifiuti indifferenziati.

L’Amministrazione Comunale ed Amsa hanno ricordato la partenza della raccolta dell’umido alla cittadinanza con una lettera inviata alle famiglie coinvolte e a 700 amministratori di condominio che operano a Milano.
Per informazioni e segnalazioni sul servizio di Amsa sono a disposizione dei cittadini il sito web www.amsa.it, il Numero Verde gratuito 800.332299 e l'applicazione PULIamo per smartphone e tablet.

 


Contatti:
Ufficio Stampa Amsa
02.2729.8015
ufficio.stampa@amsa.it

 

Inizio