Home Home

La raccolta differenziata gestita da Amsa, società del gruppo A2A, ha raggiunto il 50% nel comune di Milano.

Una percentuale che ha permesso al capoluogo lombardo di ricevere una menzione speciale in occasione della XXI edizione di “Comuni Ricicloni”, la manifestazione organizzata da Legambiente a Roma nella quale sono stati premiati i comuni più virtuosi nella gestione dei rifiuti urbani.
 

Milano ha registrato un notevole aumento della percentuale di raccolta differenziata nell’ultimo anno, posizionandosi prima tra le grandi città italiane e, insieme con Vienna, tra le metropoli europee con popolazione superiore al milione di abitanti.
 

Legambiente ha motivato il premio conferito al Comune di Milano con l’efficacia del sistema di gestione dei rifiuti “porta a porta” attivo su tutto il territorio milanese e con l’estensione della raccolta dell’umido alle utenze domestiche, completata lo scorso 30 giugno.

L’attivazione del nuovo servizio di raccolta della frazione organica in tutta Milano ha reso possibile il raggiungimento di quota 50% di rifiuti differenziati, con un incremento di 14 punti percentuali in 18 mesi.
 

“Il riconoscimento di Legambiente al Comune di Milano è un motivo di orgoglio per l’Azienda – ha dichiarato la Presidente di Amsa Emilia Rio, presente alla manifestazione – Ringrazio i cittadini per l’impegno e i lavoratori di Amsa per la professionalità che quotidianamente ripongono nel proprio lavoro, qualità determinante per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. La menzione speciale di Legambiente è un stimolo per migliorare ulteriormente i risultati”.
 

Nell’occasione è stata evidenziata dagli organizzatori la “buona e continua” attività di sensibilizzazione ed informazione sui temi della raccolta differenziata e del riciclo, realizzata da Amsa anche in 9 lingue straniere.
 

Nei primi cinque mesi del 2014 sono state raccolte separatamente ed avviate a recupero nel Comune di Milano 140.000 tonnellate di rifiuti. Le principali frazioni:

  • 47.449 tonnellate di umido (+80% rispetto allo stesso periodo del 2013)
  • 35.816 tonnellate di carta e cartone (-1%)
  • 27.568 tonnellate di vetro (+0,4%)
  • 17.539 tonnellate di plastica e metalli (+5,9%)
  • 2.382 tonnellate di legno (+8,3%)
  • 1.329 tonnellate di RAEE (+6,15%)
Inizio