Home Home

La ricerca IPSOS indaga il senso civico dei milanesi in occasione di “Panettone d'oro 2015”, il premio alla virtù civica che laurea cittadini e associazioni campioni di solidarietà

Nel capoluogo lombardo differenziare piace: cresce al 57% l'impegno personale nell’effettuare una corretta raccolta, mentre un milanese su due lo considera un gesto importante.

Su EXPO 2015 i milanesi sono ottimisti: il 56% pensa che sarà un successo e per il 69% la manifestazione avrà ricadute positive sull’economia nazionale. Fiducia anche nel fatto che la città saprà accogliere i visitatori in modo ospitale (55% del campione).
 

Milano, 6 Febbraio 2015 – La gestione dei rifiuti domestici rivela chi sono i milanesi: persone attente all'ambiente e che vedono nel gesto quotidiano di differenziare un segno del proprio senso civico, perché utile a tutti, e non solo un miglior modo per smaltire i rifiuti. La pensa così l’89% dei milanesi, un dato in crescita rispetto all’anno scorso (+14%).

È quanto emerge dalla ricerca IPSOS sul senso civico e di solidarietà dei Milanesi realizzata in occasione della 16esima edizione del Premio alla virtù civica “Panettone d’Oro” e presentata oggi al Comune di Milano da Comieco, Amsa-Gruppo A2A e da un cartello di associazioni cittadine (Assoedilizia, Amici di Milano, Associazione SAO, Ciessevi, City Angels, Rotary Milano International, Coordinamento Comitati Milanesi e Legambiente). Il premio, patrocinato dal Comune di Milano e da Città metropolitana di Milano, è riservato a cittadini ed associazioni meritevoli del capoluogo lombardo e, da quest’anno, dell’hinterland milanese.

Sul fronte dei benefici di una corretta raccolta, separare carta, vetro, alluminio, umido e plastica per il 43% del campione ha come principale effetto quello di diminuire il livello di inquinamento, mentre meno evidenti sembrano gli effetti dal punto di vista economico e quindi il risparmio per la collettività (29% nel 2015 vs il 32% del 2014). Per un milanese su 4 (l’anno scorso era il 30%) è un gesto che abitua i cittadini a pensare anche alla collettività.

Secondo i milanesi sono migliorati sia l’impegno quotidiano da parte dei cittadini nel differenziare (per il 57%, tre punti percentuali in più rispetto al 2014 e il valore più alto dal 2010) sia l’importanza attribuita alla raccolta differenziata (per il 50% del campione, l’anno scorso era il 49%).

Se però guardiamo alla classifica generale dei comportamenti giudicati più gravi dal punto di vista del senso civico, non effettuare la raccolta differenziata si colloca solo all'ultimo posto (13%, in calo di 3 punti percentuali rispetto al 2014), mentre l'abbandono dei rifiuti in luogo pubblico viene condannato maggiormente: per il 35% del campione è il comportamento più grave, dietro corruzione (che mantiene il primato con il 73%, in crescita di 7 punti percentuali rispetto al 2014), evasione fiscale (56%) ed assenteismo sul lavoro (in aumento, 46% contro il 38% dello scorso anno). Tra gli altri comportamenti individuali considerati deplorevoli, in crescita la mancata segnalazione di danni involontari al legittimo proprietario (30%, era il 23% nel 2014), mentre diminuisce la gravità attribuita all’appropriarsi del denaro di un portafoglio trovato (25% contro il 30% dello scorso anno) e il viaggiare sui mezzi pubblici senza biglietto (18% contro il 23%)

In generale, la ricerca evidenzia come la percezione prevalente dei milanesi sia quella di un calo diffuso del senso civico tra i propri concittadini (57% degli intervistati contro un 14% di chi invece crede che sia aumentato), e di una sempre maggiore chiusura in se stessi (53%, contro il 45% dello scorso anno). Per incoraggiare il senso civico, per la maggioranza (39%) serve anzitutto educare al rispetto della collettività, poi aumentare i controlli (23%) e reprimere (20%). Ciò che mette un po’ tutti d’accordo è l’idea che stabilire un premio per cittadini e associazioni sia d’aiuto nel favorire la cultura civica: è infatti così per il 67% degli intervistati, un dato è in crescita di 9 punti percentuali sul 2014.

I Milanesi ed EXPO2015
EXPO è alla porte. Se ne parla da anni, tanto che l’81% dei milanesi si dice informato sulla manifestazione, sia sul tema che sul luogo. Un esiguo 3% non ne sapeva nulla.
L’Esposizione Universale targata Italia risulta ben vista dall’80% dei milanesi (resta un 3% di “expo-scettici”), il 56% è addirittura convinto che sarà un successo. In particolare, a livello di benefici possibili legati alla manifestazione, l’85% è dell’avviso che la metropoli lombarda ne guadagnerà in immagine a livello internazionale; l’84% in fatto di infrastrutture e trasporti, il 77% confida nel rilancio economico di Milano e il 69% in quello di tutto il Paese. Nel complesso, il giudizio dei milanesi su Expo è positivo e il 55% ritiene che la città saprà essere ospitale nei confronti dei visitatori in arrivo. Qualche aspetto però risulta ancora da migliorare, anzitutto il trasporto pubblico locale, la costruzione degli edifici per l’esposizione e la sicurezza. Mentre ci si sente più preparati nell’accoglienza turistica e nell’offerta culturale degli eventi collegati ad Expo.

 

Ufficio stampa Comieco - Close to Media
Giulia Ferrario, Irene Lambusta, Stefania Canzano
Tel 02.70006237 mob. 334 6267334/348 0990515
giulia.ferrario@closetomedia.it - irene.lambusta@closetomedia.it - stefania.canzano@closetomedia.it

Ufficio Stampa Amsa
02.27298015
ufficio.stampa@amsa.it


 ll Riconoscimento alla virtù civica «Panettone d'Oro» nacque a metà degli anni '90 per iniziativa del Coordinamento Comitati Milanesi, come premio per cittadini e associazioni distintisi per le loro virtù civiche. La XVI edizione del Premio è realizzata in collaborazione con Comieco, Amsa-Gruppo A2A, Coordinamento Comitati Milanesi, Assoedilizia, Ciessevi, Associazione SAO, Il Giorno, Amici di Milano, City Angels, Rotary Milano International-distretto 2041, Legambiente, Re Panettone.


Comieco (www.comieco.org) è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, nato nel 1985 dalla volontà di un gruppo di aziende del settore cartario interessate a promuovere il concetto di “imballaggio ecologico”. La finalità principale del Consorzio è il raggiungimento, attraverso una incisiva politica di prevenzione e di sviluppo della raccolta differenziata, dell’obiettivo di riciclo dei rifiuti di imballaggi cellulosici previsto dalla normativa europea (direttiva 2004/12/CE che ha integrato e modificato la direttiva 94/62/CE). Comieco è tra i fondatori del neo-costituito Consiglio nazionale della green economy, formato da 53 organizzazioni di imprese, nato a febbraio 2013 per dare impulso allo sviluppo dell’economia verde in Italia.
AMSA, società del gruppo A2A, si occupa di servizi ambientali e serve cittadini e imprese di Milano, Basiglio, Bresso, Buccinasco, Cormano, Novate Milanese, Pero, Segrate, San Donato Milanese, Settimo Milanese e Trezzano sul Naviglio con soluzioni studiate in base alle esigenze delle diverse utenze. Amsa tiene oggi pulita un’area di 272 Kmq, lavorando per oltre 2,3 milioni di persone: 1.300.000 abitanti e 800.000 city users nella città di Milano e circa 215.000 residenti nei Comuni della Provincia serviti dall’azienda. AMSA può contare su oltre 3000 dipendenti ed è proprietaria di un impianto per il trattamento dei rifiuti voluminosi e un impianto per la valorizzazione delle terre di spazzamento. AMSA dispone, inoltre, di undici riciclerie. L’Azienda ha una flotta di circa 1.200 automezzi, il 30% dei quali alimentati a metano e il 40% con motorizzazione a norma Euro 4 ed Euro 5.

 

Inizio